Email: info@ricciericcisnc.it

Telefono: 0858208465


Inquinamento rumoroso: guida alla scelta dei vetri

Pubblicato il 28/02/2017

Espandi Comprimi

Gallery - Ricci & Ricci


Lascia un commento

Fai il login e lascia il tuo commento

Finestre e vetri isolanti

Il ruolo del vetro nell’isolamento di un infisso è preponderante, in quanto è questo a rivestire la maggior parte della superficie del serramento. In particolare per quanto riguarda l’isolamento degli ambienti dal rumore. Nell’attuale società, infatti, si è investiti da un elevato inquinamento acustico prodotto dal traffico dei mezzi e dalle attività artigianali e industriali. Per rendere la propria casa un ambiente confortevole in cui rilassarsi e trovare un rifugio dallo stress della quotidianità è necessario scegliere attentamente i propri infissi, con un occhio di riguardo soprattutto ai vetri a isolamento acustico. Il tutto sempre ricordando che l’installazione a regola d’arte è l’unica garanzia dell’efficacia dei sistemi scelti.


Vetri fonoassorbenti

La continua esposizione a un’elevata rumorosità causa importanti conseguenze sulla salute. In particolare disturba il sonno, diminuisce la memoria e la concentrazione, aumenta il battito cardiaco, portando anche a stati di ansia, irritabilità e depressione. Una singola lastra di vetro dello spessore di 4 mm ha poco potere fono isolante. Tuttavia non è pensabile realizzare lastre in vetro molto spesse, poiché il loro peso sarebbe eccessivo. Un vetro di 20 mm, ad esempio, peserebbe 50 kg per metro quadro, senza incidere in maniera significativa sulla trasmittanza termica. Per questo motivo in edilizia si predilige l’utilizzo di vetri fonoassorbenti, ossia vetri stratificati composti da più lastre unite da un foglio di materiale plastico.


Il vetrocamera

Le prestazioni in fatto di isolamento acustico aumentano esponenzialmente nel caso di vetri isolanti, meglio noti con il nome di vetrocamera. Con questo sistema, noto anche come doppio vetro, le lastre di vetro, che possono avere diverso spessore, vengono distanziate da un telaio in alluminio. La perfetta adesione delle lastre in vetro al telaio è garantita da una colla speciale, che viene fatta aderire tramite una pressa. In questo modo si crea una camera d’aria stagna tra i due vetri, poi sigillati con una sostanza bicomponente che aumenta ulteriormente l’isolamento. Il rumore può essere maggiormente filtrato attraverso alcuni accorgimenti:

  • L’inserimento di due vetri di diverso spessore
  • L’utilizzo di vetro stratificato, in cui una pellicola di materiale plastico offre proprietà fonoisolanti e fonoassorbenti
  • L’aumento dello spessore del profilo del telaio che separa le due lastre
  • L’impiego di esafloruro di zolfo nell’intercapedine tra le lastre
  • La scelta di lastre con spessore superiore ai 6 mm

Senza dimenticare l’importanza della posa in opera, per assicurare ai vetri un isolamento acustico impeccabile.